A onorevole insaputa

1360952238.0138

1360952238.0138

Stavo pensando che in Italia requisito essenziale per diventare ministro è che ti facciano le cose sotto al naso e non lo sai… e più è grossa e più sei importante.

C’è chi “gli pagano l’affitto di casa” e non lo sa, chi “gli comprano casa e gliela intestano” e non lo sa, chi gli prendono i soldi della casa e si comprano case che si intestano ed erano “investimenti immobiliari”.

C’è chi gli pagano la vacanza all-inclusive e non lo sapeva.

C’è chi ti paga il diploma del figlio e la macchina, e non lo sai.

C’è chi ti ristruttura la casa e tu non ti sei mai chiesto con quali soldi.

Certo, c’è anche chi riceve soldi per la sua fondazione e non lo sa.

C’è anche chi gli arredano casa della figlia, sempre tutto a sua insaputa.

Certo, il capo dei capi è chi va a letto con delle escort e non lo sa… perché è solo un utilizzatore finale. E tutto questo senza entrare nelle minuterie varie ed eventuali.

Mi sorge un dubbio, ma quello che fanno nel proprio ministero, lo sanno?

No perché se non sanno nemmeno quello allora si spiega tutto!

Ma anche se non sanno quello che fanno, allora lo stipendio lo restituissero.

Ma poi ho anche un altro dubbio… …ma vuoi vedere che da domani dico anche io che “non lo so” e se proprio non posso dico che ero “un utilizzatore finale”?

Michele Di Salvo
Michele Di Salvo
Blogger, writer, editorialista. Mi occupo di strategia della comunicazione. Mi piace leggere, cinema, teatro e vino rosso

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>